giovedì 2 Luglio 2020
Home Cucina Culurgiones mon amour!

[Ricette] Culurgiones mon amour!

Pasta ripiena di patate, pecorino e menta, cucita a mano da pazienti mani. Un tripudio di sapori e un tuffo nella tradizione culinaria sarda.

-

I Culurgiones non sono un piatto tipico del Sud Sardegna, perciò ho preso lezioni dalla mia carissima amica Natalia. Originaria di Sadali mi ha insegnato i culurgiones con la sua super ricetta!
La parte più difficile (e non credo stentiate a crederlo) è la chiusura, che sembra facile, ma ve lo posso assicurare: non lo è. Il culurgione non deve essere sfiorato, quasi accarezzato e trattato con molta cura!
Ma veniamo alla ricetta!

INGREDIENTI PER L’IMPASTO

  • 700 gr di semola fine
  • 300 gr di farina
  • 500 gr di acqua tiepida
  • 1 cucchiaino di sale

INGREDIENTI PER IL RIPIENO

  • 1 kg di patate
  • 500 gr di pecorino fresco grattugiato volendo potete anche mixare i formaggi sempre nel rispetto della tradizione,quindi formaggi sardi,l’importante è che siano freschi, possiamo utilizzare, per esempio, anche un formaggio di capra fresco
  • 1 fetta di “casu’é fitta”  formaggio freschissimo e salato, di tradizione sarda (questo formaggio serve per dare la sapidità corretta all’impasto quindi la dose molte volte cambia, regolatevi assaggiando l’impasto)  (se non potete procurarvi questo formaggio perchè non lo trovate in commercio potete usare la feta che rimane comunque un formaggio acidulo e salato…anche se così ovviamente non rispettiamo la tradizionalità del piatto)
  • ½ bicchiere di olio d’oliva
  • 1 spicchi d’aglio
  • 1 cucchiaino di menta fresca sminuzzata
  • 1 cucchiaino di menta secca sminuzzata

1# Step:   Il Ripieno

Impasto Culurgiones

  • Soffriggete l’aglio nell’olio (senza farlo bruciare, mi raccomando!)
    Oppure potete far insaporire per un giorno intero l’olio con l’aglio.
  • Fate cuocere le patate in acqua abbondante e schiacciatele ancora calde con l’ausilio dello schiacciapatate.
  • Unite il formaggio grattugiato e la menta avendo cura di mescolare molto bene.
  • Aggiungete l’olio insaporito (eliminando l’aglio) e lasciate riposare per almeno due ore, ancora meglio se mezza giornata.

2# Step:   L’Impasto

  • Impastate farina, acqua, sale e un cucchiaio di olio (a mano o con l’ausilio della planetaria). Lavorate bene tutti gli ingredienti sino ad ottenere una pasta liscia e senza grumi . Avvolgete con della pellicola affinché non si indurisca.
  • Preparate delle sfoglie sottili e con un tagliapasta o un bicchiere ritagliate delle sfoglie rotonde.
  • Non preparate troppe sfoglie tonde per volta per volta – se la pasta diventa dura non chiude bene – e in ognuna di esse adagiate una porzione di farcia grande quanto una noce.
  • Carcate di creare al centro una “montagnetta un pochino più alta” e di spargere il ripieno del culurgione verso i lati (ma non troppo).

3# Step:   La Chiusura!

  • Tenete il culurgione delicatamente e chiudetelo a mo di libro (sempre delicamente!)

La cosa più importante quando iniziate a cucire il culurgione è l’inizio. Bisogna chiuderlo con cura, non staccare mai le dita dal culurgione e unire un lembo con l’altro.

Così facendo procedete alla chiusura a spiga. Per capire meglio il delicato procedimento, guardate il video.

4# Step:   Cottura

  • Cuocere i culurgiones in abbondante acqua salata per circa 5 o 6 minuti e condire con sugo di pomodoro fresco e basilico. Spolverare con abbondante pecorino e…

buon appetito!

Autore originaleSemolagrossa

Arte & artigianato

[Video] Migrantes per l’Europa

Migrantes per l'Europa - Dal 10 al 20 Dicembre a Bologna, presso la sala museale del Complesso del Baraccano
00:02:50

Sardegna e Okinawa: Isole Gemelle sul filo della tessitura

Un film, un viaggio nella tessitura, una collezione di gioielli, un filo rosso invisibile lungo 10.000 Km che lega la Sardegna e l'arcipelago di Okinawa.

Cucina & Vino

[Ricette] Culurgiones mon amour!

Culurgiones: Pasta ripiena di patate, pecorino e menta, cucita a mano da pazienti mani. Un tripudio di sapori e un tuffo nella tradizione culinaria sarda.

A Cena con L’Autore: Mauro Tetti

Una bella iniziativa a Bologna: gli scrittori Mauro Tetti, Marcello Fois e Alberto Masala incontrano i piatti e i calici di Semolagrossa e Medulla Vini.