martedì 21 Maggio 2024
spot_img

IL PUBBLICO BENE – Performance | SA DIE

Il Pubblico Bene è una performance di carattere ibrido fra il teatro, il concerto di musica elettronica, una forma ritualistica e un esito audio-visivo. Il focus dello spettacolo riporta alla Sardegna: territorio percepito come esotico, si manifesta come paradigma dello sfruttamento del suolo, delle risorse e della popolazione, in un preciso scollamento fra le necessità degli abitanti e quelle del capitalismo.


Leggi l’articolo:

IL PUBBLICO BENE


Il Pubblico Bene

Regia, drammaturgia e attuazione di Simone Azzu
Musiche di Martino Corrias
Progetto video di Claudia Virdis. Il materiale video è tratto da Sardegna Digital Library
concessione: Regione Autonoma della Sardegna
Produzione SHIP – Centro di Produzione Culturale
Con il sostegno di DAS – Dispositivo Arti Sperimentali

Simone Azzu

Martino Corrias

Simone Azzu

Simone Azzu è nato in Sardegna nel 1994 e vive a Bologna. Si forma come pianista presso il Conservatorio L. Canepa di Sassari e, fin dall’infanzia, lavora con il teatro come attore e performer, dapprima nel contesto sardo dei musical, delle operette e del teatro ragazzi, con varie incursioni nel teatro drammatico, con importanti collaborazioni con i maggiori registi e interpreti dell'isola, e con artisti del calibro di Lola Quivoron (per ARTE.fr) e la compagnia portoghese CasaBranca per Sardegna Teatro, Groundlings Theatre (Portsmouth, UK), Alberto Salvucci e TY1 (Universal Music Group) e molti altri.Dal 2018 al 2021 ha collaborato con il Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards, il prestigioso centro di ricerca teatrale, in contesti sociali, con performance in Italia, Turchia e Francia. Il lavoro ha permesso lo sviluppo di un ampio repertorio di canti rituali di tradizione sarda. Il periodo vissuto intensamente con il Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards è stato fondamentale per la formazione di performer, interagendo con studiosi e luoghi d’élite dello spettacolo mondiale. Ha vissuto fra la Francia, il Portogallo e la Spagna per alcuni anni, avvicinandosi alla cultura flamenca e collaborando con realtà come Cose di Amilcare (Barcellona) e Teatro Remiendo (Granada). Dal 2019 collabora a stretto contatto con il Teatro Ridotto di Bologna, fondando e diventando il responsabile della Biblioteca Torgeir, Biblioteca teatrale inaugurata nel dicembre 2021, all'interno della cornice DAMS50. Compositore e drammaturgo, da diversi anni collabora ed è rappresentato daOtago Literary Agency come scrittore. Alcuni lavori sono in fase di pubblicazione.Si laurea in magistrale in Italianistica, Scienze Linguistiche e Culture Letterarie Europee presso l’Università di Bologna con una tesi in Storia del Teatro con il Prof. De Marinis.

Martino Corrias

Martino Corrias è nato in Sardegna nel 1999 e vive a Bologna. Nella sua ricerca e sperimentazione musicale combina il mondo sonico naturale a quello elettronico. Di formazione classica, con il tempo mostra particolare interesse per il mondo elettronico: inquesto cerca di ritrovare quella naturalezza data dagli strumenti in legno e dalle registrazioni su campo in mezzo alla natura, scomponendoli e fondendoli con suoni sintetico-metallici in un'atmosfera da club underground, cogliendo ora gli elementi più melodici della rave ora quelli più graffianti.Dopo i successi delle pubblicazioni del 2021 dei singoli di deconstructed club, Gale e Digital Blue, acclamate da varie webzines europee. Digital Blue viene presentato all'esposizione curata dal collettivo bergamasco "Mostrami" e suonato nello Spazio a bordo del Blue Origin NS-18 da Dr Chrispy, musicista e ingegnere aerospaziale; nel 2022 il rave remix di Martino del brano Max del duo norvegese Smerz, è presente nel track ID del mix di Goth Jafar, dj americana apprezzata da artisti di fama mondiale come FKA Twigs, Sega Bodega ecc., preparato per la famosa rivista britannica The Face.Nello stesso anno collabora con Sardegna Abbandonata in due occasioni: i 10 anni della realtà urbex in Sardegna con un pezzo composto per l'occasione presente nel tape 2.2.2.2 e l'esposizione del progetto audio-visivo X sulle miniere sarde. Nel 2023 sonorizza l’amacario dell’architetto Careri del Collettivo Stalker, esposto per l’intera estate presso l’EXATR di Forlì.

 

Simone Azzu e Martino Corrias lavorano insieme dal 2021: dialogano fra la musica elettronica, il testo poetico e l’immagine. Debuttano con Petter: Prigioniero Politico in contesti istituzionali e non, in co-produzione con l’Istituto Storico Parri.

 

Data

27 Apr 2024
Evento concluso

Ora

21:00

Luogo

Circolo Sardegna Bologna
Circolo Sardegna Bologna
Via L. Berti 2/10, Bologna

Organizzatore

Casa di Quartiere Saffi
Casa di Quartiere Saffi
Sito web
https://www.facebook.com/profile.php?id=61551879993865

Altri Organizzatori

Circolo Sardegna
Circolo Sardegna