martedì 21 Maggio 2024
spot_img
Sa Die | II edizione | 27.4.24 | Bologna

SA DIE | II EDIZIONE | BOLOGNA 27.4.24

SA DIE | II EDIZIONE | BOLOGNA 27.4.24

Sabato 27 aprile 2024, presso la Casa di Quartiere Saffi in via Lodovico Berti 2/10 a Bologna, il Circolo Sardegna organizza la rassegna culturale “Sa Die: II Edizione”, animata da una ricca programmazione di iniziative.

Una giornata di laboratori, performance, documentari, mostre fotografiche, reading e concerti per celebrare la ricorrenza de “Sa Die de sa Sardigna”, dalla lontana – ma culturalmente vicina – città felsinea: oltre quindici volti della scena artistica sarda si muoveranno attorno al tema del paesaggio, inteso come prodotto di materia e narrazioni, da (de)costruire e analizzare in forma corale e partecipata.

Le diverse attività in programma vedranno lə partecipanti coinvoltə in un confronto aperto su come la narrazione – nelle sue varie declinazioni artistiche e quotidiane – possa riplasmare e riconfigurare i nostri paesaggi quotidiani, proponendo forme e modalità nuove per raccontare la Sardegna contemporanea e percorrerla attraverso la musica, la parola, l’immagine. Dai paesaggi letterari a quelli audiovisivi, Sa Die esplorerà sentieri intrisi delle storie individuali e della Storia ufficiale, partendo dal ricordo della Sarda Rivoluzione di fine Settecento, per giungere alle nostre storie di oggi: storie di emigrazione, di lontananza e di vicinanza, storie di sfruttamento e di comunità.

Sa Die è un’iniziativa dedicata ai soci e alle socie organizzata dall’associazione Circolo Sardegna Bologna APS in collaborazione con la Casa di Quartiere Saffi, grazie al contributo della Regione Autonoma della Sardegna e al sostegno della Fasi – Federazione delle Associazioni Sarde in Italia.


L’accesso alla manifestazione è consentito previo tesseramento

PRE-TESSERAMENTO

quota agevolata: soli 5€!


 

Sa Die al Circolo Sardegna Bologna

A partire dalla seconda metà degli anni Sessanta, il Circolo Sardegna organizza iniziative culturali riguardanti la promozione della storia e della cultura della Sardegna a Bologna, proponendosi come punto di incontro e di connessione tra le due realtà e coloro che le abitano.

Per l’edizione 2024 de “Sa Die de Sa Sardigna”, il Circolo presenta un ricco cartellone di eventi volto a celebrare in città la festa del popolo sardo e i suoi Vespri: la festività, istituita da una legge del Consiglio Regionale nel 1993, commemora l’insurrezione popolare scoppiata a Cagliari il 28 aprile del 1794 e poi diffusasi nel resto dell’Isola sull’onda delle idee illuministe, che portò a un breve periodo di autogoverno. Anche se l’esperienza terminò tragicamente e con pochi benefici per l’Isola, la ricorrenza rimane un momento di riflessione sul bisogno passato e presente dei sardi e delle sarde di determinare il proprio futuro: da periferia d’Europa, la Sardegna si era infatti ritrovata al centro di un fermento culturale e politico che ne mutò la percezione presso lə stessə abitanti. Celebrare oggi Sa Die significa quindi riattualizzare quella necessità di tornare presenti nel Mondo da una prospettiva di margine, spazio escluso dalla storia ufficiale e dunque particolarmente indicato per l’elaborazione di incontri, sguardi nuovi e narrazioni contrarie.



 

PROGRAMMA

10h00 _ Ri-fiabare – Laboratorio di geografia letteraria | Maria Luisa Mura, Francesca Nardi

Il laboratorio partecipativo vuole essere un’occasione di riflessione e scambio sul rapporto tra luoghi e narrazioni, con un focus specifico sulla fiaba come possibilità di ri-esistenza e rifondazione. A partire dalle Fiabe sarde di Sergio Atzeni e Rossana Copez, cercheremo di percorrere le tante storie che agitano la Sardegna, l’Appennino e altri territori marginali, nell’idea di ribaltare le narrazioni a cui questi luoghi sono costretti, per immaginarne di nuove e tracciare così una cartografia plurale entro cui ridefinire i tratti narrativi delle nostre comunità.

Il laboratorio è rivolto ad un massimo di 25 partecipanti. Iscrizioni aperte a questo link.

16h00 _ Preludio a Sa Die | Maria Luisa Mura, Francesca Nardi, Paolo D’Ascanio, Franco Arba

Restituzione pubblica Laboratorio geografia letteraria

I paesaggi letterari, sonori, visivi conservano le tracce delle tante storie che compongono i luoghi che abitiamo e che vogliamo abitare: storie personali e politiche, vere o immaginate, affettive e ufficiali. Da questo concetto nasce l’idea di una discussione che, partendo da un inquadramento storico della Sarda Rivoluzione, ha l’obiettivo di riflettere su cosa resista nel paesaggio contemporaneo sardo di quegli eventi e della Storia che essi avrebbero determinato successivamente, per interrogarci così sulle possibilità attive e ricreative di questa memoria, da una prospettiva narrativa, sociale e ambientale.

La restituzione pubblica del Laboratorio di geografia letteraria mostrerà i diversi punti di vista che compongono la materia del nostro abitare, mettendo in luce i legami tra letteratura, narrazioni e resistenze e aprendo così all’intenzione comune di questa giornata: (de)costruire, ripensarci, reinventare.

17h00 _ Materia Oscura – Documentario | Massimo D’Anolfi, Martina Parenti

Materia oscura, racconta un luogo di guerra in tempo di pace: lo spazio del film è il Poligono Sperimentale del Salto di Quirra dove per oltre cinquanta anni i governi di tutto il mondo hanno testato “armi nuove” e dove il governo italiano ha fatto brillare i vecchi arsenali militari compromettendo inesorabilmente il territorio. Il documentario racconta questo luogo silenziosamente avvelenato evocandone la tragicità grazie alla forza del racconto per immagini. E tra montagne e mare, passato e presente viene costantemente messa in scena una “guerra immaginaria” che sembra non aver fine.

18h30 _ To Mold / Kar – Mostre fotografiche

To Mold | Luciana Frau

To mold è un progetto in tre tempi: da semplice gioco anfibologico per il quale una patata diventa un presepe e un limone un uccellino, si passa alla glorificazione della muffa in sé, intesa come sineciosi, che trasmuta la morte in vita, il continuum dell’essere sulla Terra. Infine, la redenzione di chi coglie questo mistero tramite il progetto fotografico To mold che tenta di non interrompere il ciclo di vita del cibo attraverso l’esercizio salvifico dell’immaginazione.

Kar | Amelia Nilda Nieddu

La memoria di un tempo e uno spazio senza confini, dove tutti gli elementi dell’universo comunicavano perfettamente fra loro. L’anima riesce ancora a sentirne gli echi, passando fra rocce, piante, il sole e la notte.

19h00 _ Soul Voyage – Aperitivo e Dj Set | The Sinners Love-fi

Una selezione in vinile di suoni black che spaziano dal soul al soulful reggae, dal rocksteady allo ska, a cura del duo sassarese – e bolognese d’adozione – The Sinners Love-fi.

20h00 _ Lato B – Aperitivo e Dj Set | Angela Colombino

Una selezione dei brani “nascosti” della musica italiana, che viaggiano dall’italian beat, alla disco fino ad arrivare ai giorni nostri, a cura della musicista sassarese Angela Colombino.

21h00 _ Il Pubblico Bene – Performance | Simone Azzu, Martino Corrias

Il Pubblico Bene è una performance di carattere ibrido fra il teatro, il concerto di musica elettronica, una forma ritualistica e un esito audio-visivo. Il focus dello spettacolo riporta alla Sardegna: territorio percepito come esotico, si manifesta come paradigma dello sfruttamento del suolo, delle risorse e della popolazione, in un preciso scollamento fra le necessità degli abitanti e quelle del capitalismo.

Progetto video: Claudia Virdis, materiale video tratto da Sardegna Digital Library – concessione: RAS – Regione Autonoma della Sardegna

22h00 _ Pentuma – Live | Marka / Licante

Concept album di elettronica cantautorale. Attraverso l’uso di un pastiche linguistico tra il sardo e l’italiano, il disco racconta di un viaggio che avviene su due livelli che si completano e si compenetrano: quello della creazione artistica e quello della scoperta identitaria, sia individuale, sia collettiva.

23h00 _ Suite – Live | Arrogalla + Alberto Masala

Suite è il nuovo disco di Arrogalla, producer sardo che fa convivere nella sua elettronica, dub, cumbia, musica popolare sarda e paesaggi sonori in una intensa trama poliritmica multistratificata. Fluiscono con grande naturalezza i suoni di mercati mediterranei e africani, paesaggi sardi, esercitazioni militari, ritmi e voci senza tempo. Le interferenze elettroacustiche fanno capolino tra beat e balli sardi, sui quali si incastrano campioni tropicali. Il set di Arrogalla è impreziosito dall’intervento di Alberto Masala, poeta plurilingue sardo originario di Ozieri, la cui poetica attenta ai significati tende verso l’espressione sostanziale.

24h00 _ Laterale – Live | Martino Corrias

Set sperimentale che ibrida hardware e software, ritmi latini e cultura rave ai suoni tipici della Sardegna, formando una poliritmia senza barriere geografiche.


L’accesso alla manifestazione è consentito previo tesseramento

PRE-TESSERAMENTO

quota agevolata: soli 5€!


Data

27 Apr 2024
Evento concluso

Ora

10:00

Luogo

Circolo Sardegna Bologna
Circolo Sardegna Bologna
Via L. Berti 2/10, Bologna
Format

Organizzatore

Circolo Sardegna
Circolo Sardegna

Altri Organizzatori