Aggiornamenti sulla nuova sede per il Circolo Sardegna

In questi mesi abbiamo dovuto affrontare,e stiamo ancora affrontando con molte difficoltà, il problema, in questo momento più importante, di dotare il Circolo Sardegna di una adeguata sede in città.

Il 18 di Ottobre scorso avviene l’incontro con l’Assessore al patrimonio Lepore per definire le modalità di concessione della Sede al circolo da parte del Comune di Bologna. All’incontro erano presenti i Consiglieri M. Caterina Manca e Claudio Mazzanti. Su richiesta dell’Assessore viene presentato un documento programmatico con le specifiche esigenze del Circolo
Sardegna e viene data assicurazione di una risposta in tempi brevi.

Circolo Sardegna Sede Parco Nord
La vecchia sede del Circolo al Parco Nord

Ma nonostante i continui solleciti da parte del Commissario e dei consiglieri Manca e Mazzanti il nuovo incontro e la successiva proposta dell’Assessorato avvengono a metà del mese di Gennaio e successivamente sono arrivate le proposte sulla Sede.

Attualmente è stato finalmente individuato un immobile in Via XXI Aprile, che può effettivamente corrispondere alle esigenze e alle funzioni programmatiche sociali e culturali del Circolo Sardegna. È stata inoltre data anche la disponibilità di un piccolo immobile in Via Irma Bandiera, per il ripristino della Sosta Sanitaria.

Gli immobili sono di proprietà ACER e siamo ancora in attesa di una risposta definitiva per poter procedere agli adeguamenti necessari, una volta definite le modalità di concessione degli stessi.

Nel contempo sono state mantenuti e sollecitati i rapporti con la regione Sardegna e con gli uffici dell’Assessorato per gli adempimenti inerenti la gestione del Circolo, con la fattiva collaborazione della Presidente FASI, pur in questa situazione di estrema precarietà.

Ripresa attività

Attualmente siamo ancora in attesa della liquidazione dei contributi assegnati, anche per poter far fronte agli onerosi impegni dello svuotamento della Sede di via Stalingrado.

Abbiamo però ritenuto opportuno procedere con la ripresa dei compiti istituzionali ormai inderogabili come il Tesseramento per il 2017 e quindi con successive iniziative sociali e culturali che potranno essere svolte e ospitate in contesti e luoghi della città, chiedendo ospitalità ad Associazioni ed Enti che operano con intenti analoghi.

Antonio G. Pirisi
Commissario straordinario