martedì 23 Luglio 2024
spot_img

Paolo D’Ascanio

.

Paolo D’Ascanio è nato nel 1991, laureato in Scienze dei Beni Culturali a Sassari, dal 2022 studia Antropologia Culturale e Etnologia a Bologna. Fa parte di un coro di tradizione popolare a Osilo.

La fine della Rivoluzione Sarda ha degli effetti che arrivano sino ai giorni nostri, un presente risultato anche di altri punti chiave. L’Ottocento vede realizzarsi l’Editto delle Chiudende, l’espansione dell’industria mineraria, il taglio dei boschi, i moti de Su Connottu, l’espansione della monocultura della pastorizia, la repressione militare del banditismo. Chi prima era visto come intrinsecamente bandito diventa però il soldato eroico per antonomasia nella Grande Guerra, in cui i sardi versano un pesante tributo di sangue e sperano però che questo sia seguito da un momento di riscatto per l’Isola. Non avverrà: solo negli anni ’60 si parlerà di Piano di Rinascita che farà da momento spartiacque per la Sardegna, con le grandi trasformazioni che ne seguiranno.

EVENTI CORRELATI

VOLTI

Hey! Himalaya

Hey!Himalaya è un progetto di quattro musicisti tra cantautorato ed elettronica.

Fulvio Accogli

Fulvio Accogli è un attore, interprete e direttore artistico tempiese e bolognese d'azione. 

Stefania Porcheddu

Stefania Porcheddu è fotografa, regista e visual storyteller sarda.

Francesco Burlando

Francesco Burlando (1986) è laureato in arti visive e lavora nel campo audiovisivo.

Franca Menneas

Franca Menneas è saggista, attivista di Amnesty International e segretaria del Circolo Sardegna.

Maria Luisa Mura

Maria Luisa Mura è nata in Sardegna, dottoranda in letterature comparate all’Università Aix-Marseille.