venerdì 14 Agosto 2020
Home Spettacolo L'uomo che comprò la luna a Bologna

L’uomo che comprò la luna a Bologna

Paolo Zucca, Francesco Pannofino, Benito Urgu e Jacopo Cullin incontrano il pubblico in sala

-

Dopo essere uscito con straordinario successo in anteprima nelle sale cinematografiche sarde, L’uomo che comprò la luna sarà in programmazione Venerdì 3 Maggio 2019 alle ore 21:00 a Bologna presso il Cinema Jolly (Via Guglielmo Marconi, 14).

L'uomo che comprò la luna - Locandina

Il regista Paolo Zucca e gli attori Jacopo Cullin, Francesco Pannofino e Benito Urgu, incontreranno il pubblico in sala e introdurranno il film.

Dopo il suo film d’esordio, L’Arbitro, Paolo Zucca realizza un film che celebra le sue origini sarde. L’Uomo che Comprò la Luna coniuga infatti elementi di cultura e tradizione sarda ad alcuni tratti caratteriali tipici di questo popolo. Come le regole della morra sarda, il film è un viaggio surreale verso una terra che nasconde un mondo (e in questo caso anche un satellite) che poco ha a che fare con la razionalità. A scrivere insieme a lui la sceneggiatura del film ci sono Barbara Alberti e Geppi Cucciari che aggiungono al film una forte ironia e molte scene comiche.

IL FILM


Una coppia di agenti segreti italiani (Stefano Fresi e Francesco Pannofino) riceve una soffiata dagli Stati Uniti: pare che qualcuno, in Sardegna, sia diventato proprietario della luna. Il che, dal punto di vista degli americani, è inaccettabile, visto che i primi a metterci piede, e a piantarci la bandiera nazionale, sono stati loro.

I due agenti reclutano dunque un soldato (Jacopo Cullin) che, dietro il falso nome di Kevin Pirelli e un marcato accento milanese, nasconde la propria identità sarda: si chiama infatti Gavino Zoccheddu e la Sardegna ce l’ha dentro anche se non lo sa.

Per trasformarlo in un vero sardo viene ingaggiato un formatore culturale sui generis (Benito Urgu). 

A questo punto non rimane che risolvere il caso: chi ha comprato la luna? E perché?

Prodotto da Amedeo Pagani e Nicola Giuliano della Indigo Film e da Rai Cinema, il film è girato in alcune delle location più belle dell’isola, tra Santu Lussurgiu e S’Archittu, da Cagliari a San Salvatore di Sinis

Nel primo weekend di uscita del film, la pellicola ha siglato il miglior risultato in termini di media copia al boxoffice italiano del fine settimana. Il film infatti in una settimana ha incassato 69.903 euro con sole 13 copie, tutte in Sardegna, ottenendo la miglior media copia nazionale pari a 5.377 euro.

GALLERIA


ALTRE INFO


EVENTO SU FACEBOOK

Biglietto intero 10 euro | Prevendita Online (con 1€ di riduzione)

 

Cinema & Teatro

Visioni Sarde 2019: vince Il nostro concerto di Francesco Piras

Il film "Il nostro concerto" ha vinto il primo premio del concorso Visioni Sarde 2019. Il corto racconta il rapporto fra due solitudini unite dal web, lasciando trasparire un gioco di raffinate psicologie che arriva al cuore dello spettatore.

Visioni Sarde 2020: “L’abbraccio” di Simone Paderi

Uno sguardo a L'abbraccio di Simone Paderi, uno degli 8 finalisti di Visioni Sarde 2020, concorso nazionale dedicato ai migliori corti prodotti in Sardegna.

“L’agnello” di Mario Piredda a Visioni Sarde [RINVIATO]

“L’Agnello”, opera prima di Mario Piredda, sarà proiettato in anteprima il 3 Marzo 2020 alle 20 al Cinema Lumière in occasione di Visioni Sarde 2020.

Visioni Sarde 2020: “Lasciami andare” di Roberto Carta

Lasciami andare di Roberto Carta, uno degli 8 finalisti di Visioni Sarde 2020, concorso nazionale dedicato ai migliori corti prodotti in Sardegna.